17.3.11

Venerdì 18 marzo: Electric Leak live tra jazz e musica elettronica


VENERDì 18 MARZO ORE 20.30
- ingresso libero

ELECTRIC LEAK - Un progetto di residenze musicali in luoghi di teatro.

Alberto Fiori - piano,
Christian Ferlaino - sax,

Giovanni Falvo - batteria
Francesco Guerri - violoncello.


Electric Leak è un progetto di residenze musicali in ambiti teatrali, che è nato nel biennio 2008 / 2010.

Il progetto, di cui in seguito il dossier, si è sviluppato e ha avuto il sostegno di Santarcangelo dei Teatri, Ortosonico di Pavia, Teatro Petrella di Longiano, di Pietro Babina che ne ha curato la messa in scena, e Battiti, programma radiofonico in onda su Radio 3 Rai e condotto da Pino Saulo.

Il nuovo disco - Electric Leak, è uscito con ottime recensioni, per citarne alcune Alias e Rockerilla.
Inoltre il disco è stato inserito fra i 10 migliori del 2010 nella lista di Enrico Ramunni di Rockerilla!


Tramite il link il video del concerto, con l'allestimento curato dal regista bolognese Pietro Babina.
[ Video del Concerto fatto al Sì di Bologna - (ottobre 2010) ]

----

I passaggi e il percorso di creazione del disco ELECTRICL LEAK e della sua messa in scena ( 2008-2010 ).

Electric Leak è stato un pensiero sull’impossibilità e sull’inutilità, oggi, di una “purezza” e di un rigore stilistico spesso vanamente inseguiti. 
La continua ed essenziale indagine sul radicale problema della comunicazione artistica ci ha portato a individuare come sfondo neutro, come campo di studi su cui operare questo incontro, quel panorama acustico, ma anche sociale e relazionale che ha come sua immediata espressione musicale il rock e la musica elettronica. Questi linguaggi, nel loro essere forme di comunicazione musicale di massa, sia nelle loro accezioni più comuni che in quelle più estreme, ci servono da grimaldello per penetrare quegli aspetti esplosivi ed antitetici di una realtà altrimenti impermeabile. Da qui l’esigenza di sviluppare Electric Leak all’interno di un percorso di residenze artistiche. I teatri in cui siamo stati ospitati sono divenuti osservatori attraverso cui sbirciare, fin dentro le crepe, il mondo circostante. L’idea portante che ha spinto alla nascita del quartetto e che ne ha allo stesso tempo segnato lo sviluppo è quella di un’intersezione fra il linguaggio jazz ed improvvisativo da una parte e quello della musica elettronica ed elettro-acustica dall’altra.


EL ha sviluppato il suo lavoro all’interno di un percorso di residenze artistiche musicali in ambiti teatrali, distribuite in un arco di tempo definito, dal 2008 al 2010.

Le residenze.
Ouverture
13 Luglio 2008 Partecipazione a "Potere senza Potere"
Festival Santarcangelo dei Teatri
2008

Atto primo
10-24 Ottobre 2008 residenza @ Santarcangelo dei Teatri,
Santarcangelo di Romagna (Rimini), Teatro Lavatoio
24 Ottobre ore 21.15 - Prova aperta

Atto secondo
11-15 Novembre 2008 residenza @ Ortosonico, Giussago (PV)
15 Novembre – Concerto, e seguente trasmissione della serata a Radio 3 per Battiti

Atto terzo
18/19 /20 Dicembre 2008 residenza @ Teatro Petrella, Longiano (FC)
20 Dicembre - Concerto conclusivo

Atto quarto
Giugno 2010 residenza @ Sì – Bologna
lavoro sull’allestimento scenico con Pietro Babina

Atto quinto
7 - 9 Ottobre residenza @ Sì- Bologna
9 Ottobre concerto con cura scenica di Pietro Babina


EL è un quartetto strumentale nato a Bologna nel 2007. Sin dall’inizio l’interazione tra composizione e improvvisazione è stata la forza dialettica che ha caratterizzato il gruppo.
L’idea portante che ha spinto alla nascita del quartetto e che ne ha allo stesso tempo segnato lo sviluppo è quella di un’intersezione fra il linguaggio jazz ed improvvisativo da una parte e quello della musica elettronica ed elettro-acustica dall’altra. La continua ed essenziale indagine sul radicale problema della comunicazione artistica ci ha portato a individuare come sfondo neutro, come campo di studi su cui operare questo incontro quel panorama acustico, ma anche sociale e relazionale che ha come sua immediata espressione musicale il Rock e la musica elettronica. Questi linguaggi, nel loro essere forme di comunicazione musicale di massa, sia nelle loro accezioni più comuni che in quelle più estreme, ci servono da grimaldello per penetrare quegli aspetti esplosivi e antitetici di una realtà altrimenti impermeabile.

EL – Electric Leak
Christian Ferlaino: soprano, alto and baritone saxophones,
Alberto Fiori: Wurlitzer piano, synth, toy piano, electron ics,
Francesco Guerri: violoncello, objects,
Giovanni Falvo: drums, percussions

Cura scenica del concerto Electric Leak, Pietro Babina


Il percorso di EL è caratterizzato dalla compresenza di elementi artistici differenti, sia in fase in elaborazione, che di sviluppo del progetto e della sua partitura musicale. La musica di Electrick Leak ha preso forme in luoghi prettamente teatrali, interagendo con essi in una dinamica di ritmi lavorativi, di organizzazione, promozione e di prospettive future, ben diverse dalle condizioni produttive delle realtà musicali.

Il quartetto nel suo prossimo progetto 2011 -2013, è rivolto verso alla creazione di un nuovo disco e concerto. EL, intenderà realizzare un progetto capace di sviluppare le dinamiche di ricerca scaturite da Electric Leak; desidera rafforzarne alcuni aspetti.

Alcuni passaggi per il prossimo biennio.

Le residenze avverranno in contesti teatrali, sia italiani che stranieri; nel desiderio di creare nuove sinergie collaborative con le realtà europee, dando così un più ampio respiro al progetto.

Il lavoro svolto nell’atto finale del progetto 2008 – 2010, il percorso di ricerca sulla cura e la presenza scenica, svolto con il regista teatrale Pietro Babina, verrà incanalato ed elaborato anche nella realizzazione del progetto 2011 – 2013. Le sinergie che si innescano in fase di creazione e produzione porteranno alla realizzazione di uno spettacolo sempre più innovativo nei linguaggi musicali, arrivando ad una messa in scena al limite tra un concerto ed una performance teatrale.

1 commento:

mesunazi ha detto...

Thanks for your share! very impressive!

nolvadex